[all’interno delle quadre ci si è permessi qualche nota posticcia rispetto al resto, scritto appunto qualche anno addietro. questo perché, oggi 3 marzo 2017, decretiamo la morte del perottoni, il momento nella quale appunto tocca rivolgere il rasoio di occam contro se stesso. questo è il destino del divenire inessenziali. il perottoni è morto, viva il perottoni! o meglio, viva la creatura, perché morto un perottoni non se ne fa un altro]

come funziona questa cosa [o meglio come funzionava]? funziona [funzionava] che suppergiù con cadenza settimanale [fino a qualche bel anno addietro] questo blog viene [veniva] aggiornato con dei post che svariano da brevi botta e risposta di qualche riga a interi capitoli di testi editi e inediti. se si scorre la pagina fino al suo compimento, in fondo a essa si trovano tre colonne. nella colonna di destra si possono recuperare tutti i post archiviati, divisi per le relative categorie, mentre nella colonna di sinistra vi si trovano i vari link (facebook, twitter, etc). nella colonna centrale è possibile e consigliato iscriversi al sito, di modo da ricevere una notifica ogni qual volta il blog viene aggiornato (e cioè si ricevono i nuovi post direttamente via mail). la procedura è a prova d’idiota: si inserisce il proprio indirizzo mail nella casella appropriata e si clicca su “sign me up”.

chi fosse interessato a pubblicare alcunché sul sito (vedi “Il Paziente Zero” di Stefano Còmper a metà luglio 2011 o i diari di Nomenomen) trovi il modo per farsi avanti all’interno di questo portale. ce la farete. [ma anche no]

la pippa spiegata ai bambini. caro lettore, nel caso non ti sia dato pena di leggere la sezione “benedetto perottoni…” (il secondo tasto in alto a destra) potrai trovare qui un utile riassunto delle questioni trattate.  (1) tesi: tutto quello che esce [usciva] dal culo del perottoni non ha carattere autobiografico. (2) argomenti: (a) il perottoni è [era] il risultato d’una violenza fatta dal possibile alla creatura; (b) dunque il perottoni benché incarnato, non gode [godeva] di carne e ossa proprie; (c) dunque è [era] privo di qualsivoglia biografia. (3) conclusione: nessuna opera legittima o riconosciuta dal perottoni è una pippa autobiografica. (4) correlati: (a) nessun personaggio “privato” del nostro rappresenta creature che campano nel creato (né la creatura né tantomeno il perottoni sono i protagonisti le cui gesta vengono narrate; i parenti non sono i parenti della creatura; i baristi non sono baristi che la creatura frequenta abitualmente; i conoscescenti e sopratutto le conoscenti del o dei protagonisti – o degli altri personaggi – corrispondono a creature reali, eccetera); (b) i personaggi “pubblici” chiamati in causa rappresentano invece quelli reali. (5) scolio: il perottoni rivendica [avrebbe rivendicato] la mera responsabilità delle opinioni del perottoni, non dei protagonisti né degli altri personaggi delle opere (spesso sessisti, omofobi, fascisti e quant’altro).